L’anno 2018 della SSA

L’anno 2018 presenta un’evoluzione favorevole.

  • I diritti riscossi hanno raggiunto la somma di CHF 23'310'785.- (+1.9% rispetto al 2017). Gli incassi di copia privata derivati dalla messa a disposizione di set‑top‑boxes con memoria e di servizi privati di registrazione virtuale hanno influenzato favorevolmente il risultato sul termine dell’esercizio.
  • I diritti generati dalle rappresentazioni teatrali hanno oltrepassato i 5 mio. per la seconda volta nella storia della SSA.
  • A causa della sospensione degli incassi della tariffa comune 12, la SSA ha rapidamente deciso di rimandare diversi progetti. Ne risulta una diminuzione considerevole delle spese (-3.52%), di cui tuttavia bisogna sottolineare il carattere temporaneo.
  • Di conseguenza il tasso medio delle commissioni si attesta su un valore storicamente molto basso, al 12.04% (-0.77 punti).
  • La SSA versa mensilmente i diritti ai suoi membri e alle società consorelle. Si riscontra un leggero aumento del totale delle ripartizioni (+0.25%).
  • La revisione della legge sul diritto d’autore evolve favorevolmente ed un ulteriore passo avanti è stato compiuto con l’approvazione da parte Consiglio nazionale nel dicembre 2018. La SSA appoggia il progetto del Consiglio federale, rallegrandosi in particolare per l’introduzione prevista di un diritto inalienabile a favore degli autori per lo sfruttamento «on demand». La SSA continua a combattere i tentativi di creare dei privilegi ingiustificati per certi settori economici.
  • L’eccellente risultato dell’esercizio 2018 ha permesso d’attribuire CHF 1.321 mio. al Fondo Culturale e CHF 593'564.- ai fondi sociali.
  • Nel 2018 sono stati spesi CHF 1'039'213.65 per la promozione culturale. 399 autrici ed autori hanno partecipato ai concorsi e alle promozioni; di questi, 150 hanno ricevuto un contributo.
  • La SSA ha proseguito la digitalizzazione dei suoi servizi, passando all’invio delle fatture per e-mail.
  • Nell’Unione europea, i giganti di internet hanno dato battaglia contro il progetto di una nuova direttiva che prevede un compenso giusto ed equo degli artisti.
  • La SSA si è impegnata più che mai in politica. Ha combattuto l’iniziativa «No Billag» che voleva vietare qualsiasi finanziamento pubblico dei mezzi di comunicazione audiovisivi per voto popolare. Ha sostenuto la nuova Legge sui giochi in denaro, assicurando importanti risorse per la creazione culturale, ed ha quindi preso posizione sul progetto di futura Legge sui media elettronici, di cui deplora la mancanza di visione.

Rapporto annuale 2018completo della SSA: in francese / in tedesco

L'anno 2018 della SSA in breve